Rabarbaro - Pianta

Rheum rhabarbarum 
Rabarbaro

Gusta questa varietà saporita!

Grazie alla crescita vigorosa, puoi raccogliere gli steli delle piante di Rabarbaro (Rheum rhabarbarum) anche tre volte l'anno. Perfetto per insaporire minestre e zuppe o per la preparazione di marmellate.
Leggi tutto
Effettua la selezione
9-12 giorni lavorativi
Dettagli
€ 11,95

9-12 giorni lavorativi
Dettagli
€ 21,95
€ 23,90  

  • Spedizione gratuita
  • Piantagione
  • Il rabarbaro cresce bene in qualsiasi terreno sciolto, facendo attenzione che in inverno non sia troppo umido. Lavora bene il terreno e prepara una buca di piantagione, il terreno può essere migliorato usando del compost per funghi. Posiziona i rizomi con cura e in modo che la parte superiore della pianta sia leggermente sotto la superficie. Premere delicatamente e annaffiarlo subito dopo. Il rabarbaro preferisce essere piantato in pieno sole.
    Rabarbaro pallido
    In Inghilterra, la coltivazione del rabarbaro è molto popolare. Inoltre può essere coltivato nella più completa oscurità, in capannoni al buio, a temperature normali, in questo caso sarà di colore molto più chiaro, quasi pallido. In casa o in giardino è possibile sperimentare questo metodo di coltivazione, coprendo la pianta con un grande vaso capovolto.
    Leggi tutto
  • Cura
  • Il Rabarbaro ha bisogno di essere fertilizzato: già all'inizio della primavera (marzo), deve essere applicato del concime organico. Nei periodi di siccità annaffiare abbondantemente. Dopo la raccolta, ripetere di nuovo la concimazione e quando le foglie sono appassite copri con uno strato di compost, in questo modo la pianta si rafforza per la stagione successiva.
    Raccolto del Rabarbaro
    La raccolta degli steli del rabarbaro può essere effettuata a partire dal secondo anno nel periodo compreso tra aprile e giugno, anche se i risultati migliori di solito si verificano partire dal terzo anno. I gambi sono pronti per essere raccolti quando le foglie sono completamente spiegate e aperte, questa operazione richiede una leggera torsione del peduncolo e delicatamente staccarlo dalla pianta. Bakker ti ricorda che devi lasciare sempre almeno tre foglie mature sulla pianta in modo che possa immagazzinare energia sufficiente per generare nuove foglie.
    Leggi tutto
  • Specifiche
  • La coltivazione del rabarbaro ha una lunga storia e tradizione. Già 5000 anni fa, i Tibetani, I mongoli, e parte dei Cinesi usavano questa pianta come insalata e per uso curativo. Chi sia stato a portarlo in Europa occidentale ancora non è chiaro: Marco Polo o i Tartari e gli Unni?

    Tuttavia è solo dal XVII secolo che è usato come cibo, quando John Gerard, botanico inglese, scoprì che gli steli più spessi sono eccellenti da mangiare, fino ad allora il rabarbaro era considerato solo un medicinale.
    Il rabarbaro contiene acido ossalico
    Il sapore acido del rabarbaro è dovuto alla presenza di acido ossalico, grazie al quale svolge un'azione rinfrescante, dissetante e digestiva. La percentuale d'acido ossalico contenuta nei gambi aumenta con la maturazione, quindi è preferibile raccogliere i gambi più giovani. Con l'aggiunta di un sacco di zucchero il sapore è delizioso.
    Leggi tutto
  • Ulteriori informazioni
  • Nome latino Rheum rhabarbarum 
    Tipo di consegna Pianta fornita a radice nuda
    Garanzia Garanzia 100%: 5 anni
    Profumata non profumato
    Tagliare i fiori no
    Leggi tutto